Salta al contenuto principale

Asilo infantile “Luigi Luzzatti”

Editore:
Roma TrE-Press - In collaborazione con il Museo della Scuola e dell’Educazione “Mauro Laeng” (MuSEd)
Luogo di pubblicazione:
Piazza della Repubblica, n. 10, 00185, Roma (Italia)
Codice ISSN:
2785-4477
Autore della scheda:
DOI:
10.53220/1214
Scheda compilata da:
giulia.cappelletti
Pubblicato il:
31/01/2022
Tipologia dell'opera:
Data opera:
1927 - 1931
Luogo di conservazione:

Piazza Nicola Longobardi
Roma RM
Italia

Indicizzazione e descrizione semantica

Identificatori di nome:
Luigi Luzzatti
Identificatori cronologici:
1920s 1930s
Credits:

Fonte: https://archidiap.com/opera/asilo-infantile/

Fotografo non identificato

L’immagine riprodotta in questa scheda è stata reperita su internet. Laddove era indicato il titolare dei diritti, si è provveduto a richiedere l'autorizzazione alla riproduzione nella banca dati, la quale è assolutamente priva di lucro sia diretto che indiretto. Se qualcuno ritenesse che la riproduzione leda i propri diritti di utilizzazione è invitato a scrivere al seguente indirizzo: prin.formazione@uniroma3.it e si procederà immediatamente alla rimozione della immagine. Si ringraziano sentitamente tutti coloro che hanno concesso i diritti di riproduzione delle immagini.

 

L’asilo infantile Luigi Luzzatti sorge a Roma, nel quartiere della Garbatella, affacciato su piazza Nicola Longobardi. L’edificio, a forma di emiciclo, è stato costruito dall’architetto Innocenzo Sabbatini tra il 1927 e il 1931, inglobando una villa preesistente. Sul retro dell’asilo sorge un ampio parco e attorno alle mura perimetrali un giardino, raggiungibile da diversi punti dell’edificio e utilizzato per le attività ludiche all’aperto. La facciata consta di un portico centrale sorretto da tre colonne e di una loggia al piano superiore scandita da sei colonne. Lo stile di Sabbatini, che aveva già progettato edifici scolastici, come la Casa dei Bimbi nel quartiere Trionfale, da un’iniziale adesione agli stilemi della secessione viennese muta orientamento per tornare ad un linguaggio marcatamente ispirato all’architettura classica.

Contenuto pubblicato sotto licenza CC BY-NC-ND 4.0 Internazionale