Salta al contenuto principale

Banco e sedia

Editore:
Roma TrE-Press - In collaborazione con il Museo della Scuola e dell’Educazione “Mauro Laeng” (MuSEd)
Luogo di pubblicazione:
Piazza della Repubblica, n. 10, 00185, Roma (Italia)
Autore della scheda:
DOI:
10.53220/962
Scheda compilata da:
giulia.cappelletti
Pubblicato il:
23/11/2021
Tipologia dell'opera:
Data opera:
1935-1937
Tecnica artistica:
Tubolare di ferro smaltato e compensato di legno
Luogo di conservazione:

Indicizzazione e descrizione semantica

Identificatori cronologici:
1930s
Credits:

Fonte: https://www.artribune.com/progettazione/design/2020/10/dal-banco-alla-c…

 

L’immagine riprodotta in questa scheda è stata reperita su internet. Laddove era indicato il titolare dei diritti, si è provveduto a richiedere l'autorizzazione alla riproduzione nella banca dati, la quale è assolutamente priva di lucro sia diretto che indiretto. Se qualcuno ritenesse che la riproduzione leda i propri diritti di utilizzazione è invitato a scrivere al seguente indirizzo: prin.formazione@uniroma3.it e si procederà immediatamente alla rimozione della immagine. Si ringraziano sentitamente tutti coloro che hanno concesso i diritti di riproduzione delle immagini.

Contestualmente alla realizzazione dell’edificio che avrebbe ospitato l’Asilo Sant’Elia a Como, l’architetto Giuseppe Terragni progetta anche gli arredi, tra cui banchi e sedute per gli alunni e gli insegnanti. Con uno sguardo rivolto al designmodernista d’Oltralpe, Terragni abbandona il tradizionale banco di legno per progettare un modello realizzato con materiali che rispondono alle potenzialità di riproducibilità scaturite dall’industria e all’esigenza di essere facilmente spostati anche dai più piccoli. La leggerezza della struttura continua del tubolare d’acciaio si ritrova anche negli arredi per i docenti, con i celebri esempi della poltrona Benita e della sedia Lariana, prodotta anche in versione ridotta per i bambini.

Contenuto protetto da Copyright