Salta al contenuto principale

illustrazione senza titolo

Torna ai risultati di ricerca
Editore:
Roma TrE-Press - In collaborazione con il Museo della Scuola e dell’Educazione “Mauro Laeng” (MuSEd)
Luogo di pubblicazione:
Piazza della Repubblica, n. 10, 00185, Roma (Italia)
Codice ISSN:
2785-5015
Autore della scheda:
DOI:
10.53166/1436
Scheda compilata da:
giulia.cappelletti
Pubblicato il:
25/02/2022
Autore dell'illustrazione:
Tecnica artistica:
Tecnica mista

Opera illustrata

Opera presente in altra banca dati:
Tipologia opera illustrata:
Romanzo
Tipologia (periodico/volume):
Volume
Formato:
220x300
Numero di pagine:
320
Editore volume:
Giunti Bemporad Marzocco
Città di pubblicazione:
Firenze
Anno di pubblicazione:
1973
Città di pubblicazione:
Firenze
Anno di pubblicazione:
1883
Titolo prima edizione:
Le avventure di Pinocchio. Storia di un burattino
Editore prima edizione:
Libreria Editrice Felice Paggi

L’illustrazione raffigura uno degli episodi centrali del celebre romanzo di Carlo Collodi, Le avventure di Pinocchio,originariamente pubblicato a puntate tra il 1881 e il 1882 sul «Giornale per i bambini», poi edito in versione integrale nel 1883. La scena fa riferimento al momento in cui Pinocchio, su consiglio della Fata, decide di andare a scuola. Il protagonista è raffigurato dall’autore, l’illustratore Attilio Mussino, di spalle, mentre attraversa le vie del centro abitato per raggiungere la scuola. L’ambientazione risulta lontana da quelle dei primi illustratori del romanzo, Enrico Mazzanti e Carlo Chiostri, fedeli alle descrizioni collodiane del paesaggio toscano. Si avverte un mutamento anche nella scelta dell’abbigliamento, più vicina al gusto della borghesia di età giolittiana, epoca in cui Mussino realizza le prime illustrazioni di Pinocchio, qui riproposte in una ristampa del 1973 sempre curata dall’editore Bemporad. La scena è vivacemente popolata da figure, spesso solo abbozzate, disegnate in maniera caricaturale da Mussino riprendendo gli stilemi delle vignette della coeva satira politica, a cui l’autore sembra ispirarsi.

Contenuto pubblicato sotto licenza CC BY-NC-ND 4.0 Internazionale