Salta al contenuto principale

Il maestro Garrone, in Favole al telefono

Torna ai risultati di ricerca
Editore:
Roma TrE-Press - In collaborazione con il Museo della Scuola e dell’Educazione “Mauro Laeng” (MuSEd)
Luogo di pubblicazione:
Piazza della Repubblica, n. 10, 00185, Roma (Italia)
Codice ISSN:
2785-4485
Autore della scheda:
DOI:
10.53167/1050
Scheda compilata da:
teresa.gargano
Pubblicato il:
21/12/2021
Tipologia:
Autore:
Curatore:
Daniela Marcheschi

Edizione

Editore:
Mondadori
Città di pubblicazione:
Milano
Anno di pubblicazione:
2020
Titolo prima edizione:
Il maestro Garrone, in Favole al telefono
Editore prima edizione:
Einaudi
Città di pubblicazione prima edizione:
Torino
Anno di pubblicazione prima edizione:
1962
Numero di pagine:
1

Nell’epoca del boom e del progresso tecnologico, la Befana e Pulcinella si sono decisamente ammodernati, dotandosi di razzi e tute spaziali ed anche a Pasqua ormai si trovano uova spaziali. Solo il maestro Garrone (nipote di quel Garrone del Cuore deamicisiano) è malinconico: «Anche a me le novità fanno piacere», dice, «che belle macchine ci sono nelle fabbriche, che belle astronavi in cielo. […] Ma la mia scuola, l’ha vista? È tale e quale come era ai tempi di mio nonno Garrone» (p. 674). A scuola, infatti, le belle macchine non ci sono, solo gli stessi banchi graffiati e scomodi d’un tempo. Se almeno anche la scuola fosse bella come un televisore o un’automobile! Il breve racconto, tratto dalle Favole al telefono, conferma la vena ironica che percorre la raccolta tutta tra tensione fantastica e critica sociale.

Contenuto pubblicato sotto licenza CC BY-NC-ND 4.0 Internazionale