Salta al contenuto principale

Lapide a Francesco De Sanctis ad Avellino (1934)

Editore:
EUM – Edizioni Università di Macerata
Luogo di pubblicazione:
Corso della Repubblica, n. 51, 62100, Macerata (Italia)
Codice ISSN:
2785-3098
Autore della scheda:
DOI:
10.53218/212
Scheda compilata da:
Valentino Minuto
Pubblicato il:
30/10/2021
Autore dell'epigrafe:
Alfredo De Marsico
Committenza:
Comitato irpino per la celebrazione delle onoranze a Francesco De Sanctis nel cinquantenario della morte
Data di inaugurazione:
28 ottobre 1934
Occasione commemorativa e/o celebrativa:
Cinquantenario della morte di De Sanctis
Materiale:
Marmo

Ubicazione

Indirizzo:
Corso Vittorio Emanuele II 4
83100 Avellino AV
Campania
Dettagli sull'ubicazione spaziale:
La lapide è posta sulla facciata del Palazzo del Governo, sede della Prefettura
Testo dell'iscrizione:
FRANCESCO DE SANCTIS
DELLA PATRIA
- RIBELLE ESULE O MINISTRO -
SOLDATO COSTANTE
NELLA SCUOLA E NELLA CRITICA LETTERARIA
SOVRANO
AUSPICANDO ROMA
CAPITALE DELLO SPIRITO MODERNO
VALICÒ IL SUO TEMPO
INVOCÒ IL NOSTRO

L'IRPINIA
NEL CINQUANTENARIO DELLA MORTE
MCMXXXIII – XII E.F.

Il 29 dicembre 1933 cadeva il cinquantesimo anniversario dalla morte di Francesco De Sanctis. Ad Avellino il tributo di omaggi al primo ministro della Pubblica Istruzione dell’Italia unita non si esaurì quel giorno; le onoranze si conclusero con l’apposizione di una targa commemorativa sulla facciata del Palazzo del Governo il 28 ottobre 1934. A dettare l’iscrizione onoraria di questo sovrano «nella scuola e nella critica letteraria» fu Alfredo De Marsico, presidente del Comitato irpino per la celebrazione del cinquantenario della morte di De Sanctis. De Marsico, nel numero della rivista «Irpinia» dedicato a De Sanctis in occasione della ricorrenza, scrisse che il letterato-politico irpino, in quanto «maestro, non assegnò all’insegnamento i confini della scuola: lo propagò nel popolo, facendo di ogni atto della Sua vita un monito, inteso a rinvigorire quelle idee e quelle passioni senza cui può esistere un assetto politico, non un assetto morale; uno Stato, non una Nazione» (p. VII).

Commemorato

Fonti

Fonti bibliografiche:
  • «Irpinia. Pubblicazione bimestrale della Società storica irpina», numero dedicato a Francesco De Sanctis nel cinquantenario della sua morte, a. V – II della nuova serie, fasc. 5-6, settembre-dicembre 1933
  • La scienza e la vita. Discorso inaugurale di Francesco De Sanctis, Napoli: R. Università degli Studi – 16 novembre 1872 (il discorso è preceduto dal “Manifesto agli Irpini” e dall’epigrafe della lapide a Francesco De Sanctis, dettati da Alfredo De Marsico), «L’Eloquenza. Antologia, critica, cronaca», a. XXIV, n. 9-10 – vol. II, settembre-ottobre 1934, pp. 345-367
  • G. Raya, Francesco De Sanctis, Roma, Ciranna, 1969, p. 155
Contenuto protetto da Copyright